Protezione al fuoco

Reazione al fuoco

Protezione al fuoco

Lastre in gessofibra fermacell

Le lastre in gessofibra fermacell sono classificate A2-s1,d0 come da Norma Tecnica di Prodotto EN 15283-2 - Gypsum boards with fibre reinforcement.  L’”euroclasse” A2-s1,d0 (UNI EN 13501-1) corrisponde alla vecchia classe 1 nazionale (Tabb. 2 e 3, DM 15 Marzo 2005).


Lastre in gessofibra Firepanel A1

Le lastre fermacell Firepanel A1 sono classificate A1-s1,d0 come da Norma Tecnica di Prodotto EN 13501-1. L’”euroclasse” A1-s1,d0 corrisponde alla vecchia classe 0 nazionale (Tabb. 2 e 3, DM 15 Marzo 2005).


Lastre cementizie Powerpanel HD e Powerpanel H2O

Grazie alla composizione minerale dei materiali che le compongono, le lastre della gamma Powerpanel sono incombustibili e quindi classificate A1 (ETA 07-0087).  L’”euroclasse” A1 (UNI EN 13501-1) corrisponde alla vecchia classe 0 nazionale (Art. 2, DM 15 Marzo 2005).


Elementi per sottofondo in gessofibra fermacell

Le lastre in gessofibra fermacell da sottofondo sono classificate A2fl-s1 (ETA 03-0006).  L’”euroclasse” A2fl-s1 (UNI EN 13501-1) corrisponde alla vecchia classe 1 nazionale (Tabb. 1,  DM 15 Marzo 2005).
Le lettere “fl” indicano la specifica applicazione del prodotto a pavimento (floor).

Resistenza al fuoco

I sistemi a secco fermacell sono stati testati secondo la Circ MI.SA. n°91 del 1961 e in base alle più recenti disposizioni europee derivanti dalla EN 13501-2.

  • UNI EN 1364-1:2002 (resistenza al fuoco di pareti divisorie non portanti)
  • UNI EN 1365-1:2002 (resistenza al fuoco di pareti divisorie portanti)
  • UNI EN 1365-2:2002 (resistenza al fuoco di solai e tetti)

L’art. 5 del DM 16 febbraio 2007 rende inutilizzabili tutti i rapporti di prova eseguiti secondo la vecchia procedura nazionale (Circ. n°91) a partire dal 25 settembre 2012.

I numerosi rapporti di prova eseguiti da fermacell secondo lo standard europeo sono immediatamente disponibili e utilizzabili. Questo genere di sistemi comprende pareti EI (autoportanti con orditure in metallo o legno), pareti REI (portanti con orditura a telaio in legno) e controsoffitti resistenti al fuoco (sotto solaio o a membrana).
I sistemi fermacell realizzano compartimentazioni capaci di resistere per 30, 45, 60, 90 o 120 minuti.

Tra le pareti, ci sembra interessante ricordare quelle realizzate abbinando lastre in gessofibra e lastre cementizie Powerpanel. Questo genere di tramezzi è particolarmente indicato dove la prestazione di resistenza al fuoco è richiesta tra ambienti molto umidi o tra l’esterno e un ambiente interno (p.e. parete 1S42 H20, 2 lastre Powerpanel H2O + 2 lastre fermacell Gessofibra, orditura in acciaio da 75mm con lana minerale; 125mm complessivi, EI120).

Con riferimento in particolare alle strutture portanti orizzontali e verticali in legno, infine, segnaliamo che le lastre fermacell assicurano una capacità di protezione al fuoco K2 (EN 13501-2, EN 14135) per 10, 30 o 60 minuti (come richiesto nei casi di cui al punto 4.11, allegato A,  DM16/02/2007).
Questo vuol dire che un rivestimento realizzato con lastre in gessofibra fermacell è in grado di ritardare fino a un’ora l’ignizione o la carbonatazione dei materiali posti al di sotto del rivestimento stesso.

Nella sezione Download_Cataloghi tecnici è possibile scaricare il fascicolo “Specifiche tecniche per pareti, contropareti, controsoffitti e sottofondi a secco”. All’interno sono presenti tutte le stratigrafie dei sistemi fermacell resistenti al fuoco.